28 déc. 2014

Vous aimez les très belles voix !

C'est encore mieux en fermant les yeux. Anna Caterina Antonacci dans le Lamento d'Arianna de Monteverdi.
Dédicacé à une amie dans la peine :


Je donne exceptionnellement le livret pour une seconde lecture :
[I]
Lasciate mi morire !
Lasciate mi morire !
E che volete voi che mi conforte
In così dura sorte,
In così gran martire ?
Lasciate mi morire !
Lasciate mi morire !

[II]
O Teseo, O Teseo mio
Si, che mio ti vo' dir, che mio pur sei
Benchè t'involi, ahi crudo, a gli occhi miei
Volgiti, Teseo mio
Volgiti, Teseo
O Dio !
Volgiti indietro a rimirar colei
Che lasciato ha per te la Patria e il Regno
E in queste arene ancora
Cibo di fere dispietate é crude
Lascierà l'ossa ignude.

O Teseo, O Teseo mio
Se tu sapessi, O Dio !
Se tu sapessi, ohimè, come s'affanna
La povera Arianna, forse pentito
Rivolgeresti ancor la prora al lito
Ma con l'aure serene
Tu te ne vai felice et io quì piango.
A te prepara Atene
Liete pompe superbe
Ed io rimango
Cibo di fere in solitarie arene.
Te l'uno e l'altro tuo vecchio parente
Stringeran lieti, ed io
Più non vedrovvi,
O Madre, O Padre mio !

[III]
Dove, dov'è la fede
Che tanto mi giuravi ?
Così ne l'alta fede
Tu mi ripon degl'Avi ?
Son queste le corone
Onde m'adorni il crine ?
Questi gli scettri sono,
Queste le gemme e gl'ori ?
Lasciarmi in abbandono
A fera che mi strazi e mi divori ?

Ah Teseo, ah Teseo mio,
Lascierai tu morire
Invan piangendo, invan gridando aita,
La misera Arianna
Ch'a te fidossi e ti diè gloria e vita.

[IV]
Ahi, che non pur rispondi !
Ahi, che più d'aspe è sordo a' miei lamenti !
O nembri, O turbi, O venti,
Sommergetelo voi dentr'a quell'onde !
Correte, orche e balene,
E delle membra immonde
Empiete le voragini profonde !

Che parlo, ahi, che vaneggio ?
Misera, oimè, che chieggio ?

O Teseo, O Teseo mio,
Non son, non son quell'io,
Non son quell'io che ì feri detti sciolse ;
Parlò l'affanno mio, parlò il dolore,
Parlò la lingua, sì, ma non già il core.

Misera! Ancor dò loco a la tradita speme
E non si spegne,
Fra tanto scherno ancor, d'amor
Il foco spegni tu morte, omai, le fiamme indegne !

O Madre, O Padre,
O dell'antico Regno superbi alberghi,
Ov'ebbi d'or la cuna,
O servi, O fidi amici, ahi fato indegno !
Mirate ove m'ha scort'empia fortuna,
Mirate di che duol m'ha fatto herede
L'amor mio, la mia fede,
E l'altrui inganno,
Così va chi tropp'ama e troppo crede.

Lasciate mi morire !
Lasciate mi morire !

Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire

Archives steppiques